CONTRIBUTI A FONDO PERDUTO FINO AL 50 % DELLE SPESE AMMISSIBILI A SOSTEGNO DELLE PMI LOMBARDE

Regione Lombardia intende promuovere azioni di economia circolare per conseguire la riduzione ed una migliore gestione dei rifiuti delle filiere delle plastiche e del tessile.

La misura non è ancora operativa e lo diventerà a seguito della pubblicazione del relativo bando attuativo. Univa Servizi è disponibile sin da ora a garantire supporto alle imprese per verificare i requisiti di partecipazione.

La dotazione finanziaria complessiva è pari a 5 milioni di euro. Sono destinatarie del bando le micro, piccole e medie imprese regolarmente costituite, ubicate in Lombardia.

AMBITI DI INTERVENTO
  • valorizzazione come materia dei residui di produzione, anche in un’ottica di simbiosi industriale e introduzione nel ciclo produttivo di sottoprodotti;
  • azioni di riutilizzo di imballaggi a fine vita;
  • azioni per il riutilizzo di prodotti o l’allungamento del ciclo di vita;
  • modifiche alle linee produttive al fine di realizzare prodotti/imballaggi con un minor uso di materie prime, per la riduzione o l’utilizzo dei propri scarti/sfridi di lavorazione, per l’introduzione di materiali da “end of waste” o a seguito di riprogettazione del prodotto ai fini di un miglioramento del fine vita dello stesso (maggiore durata e riciclabilità) anche attraverso l’utilizzo di materiali alternativi;
  • progetti innovativi, con caratteristiche di trasferibilità e scalabilità, relativi a raccolte di rifiuti dedicate a frazioni omogenee ai fini dell’ottimizzazione dei processi di preparazione per il riutilizzo o riciclaggio o a processi di preparazione per il riutilizzo o riciclaggio di rifiuti plastici, di rifiuti in bioplastica compostabile e di rifiuti tessili.
SPESE AMMISSIBILI

Sono ammissibili, al netto di IVA, le seguenti tipologie di spese sostenute successivamente alla data di presentazione della domanda:

  1. acquisto e installazione di beni strumentali, macchinari, sistemi di automazione e tecnologie adattive, impianti di produzione, attrezzature e arredi, necessari per il conseguimento delle finalità progettuali. Sono ammesse le spese anche per il revamping dei macchinari esistenti. Le spese per l’acquisto di veicoli sono consentite solo per i veicoli iscritti all’albo nazionale gestori ambientali per il trasporto dei rifiuti conto terzi;
  2. acquisto di hardware (sono escluse le spese per smartphone, tablet e cellulari);
  3. acquisto di software gestionale, professionale e altre applicazioni aziendali, licenze d’uso e servizi software di tipo cloud e simili, nella misura massima del 5% delle spese ammissibili per il progetto;
  4. registrazione e sviluppo di marchi e brevetti e per le certificazioni di qualità, acquisizione di marchi, di certificazioni tecniche e di eventuale registrazione REACH; acquisto di licenze di produzione;
  5. opere edili – murarie e impiantistiche se direttamente correlate e funzionali all’installazione dei beni di cui al punto 1 e spese di progettazione e direzione lavori nel limite del 25% della voce di spesa di cui al punto 1;
  6. spese generali determinate forfettariamente pari al 7% delle spese ammissibili.
REGOLE DI PARTECIPAZIONE
  • sono ammissibili interventi nell’ambito di una sede operativa ubicata sul territorio lombardo attiva alla presentazione della domanda o attivata entro e non oltre la richiesta di erogazione del saldo;
  • è possibile presentare progetti in forma singola o aggregata. Possono partecipare all’aggregazione anche soggetti che non siano micro, piccole e medie imprese, ma questi soggetti non potranno essere beneficiari di contributi e le spese che dovessero eventualmente sostenere non saranno ritenute ammissibili al contributo, ma saranno comunque tenute in considerazione in sede di valutazione del progetto;
  • il progetto (in forma singola o aggregata) dovrà avere un importo minimo di 50.000 euro;
  • i progetti dovranno essere realizzati e rendicontati entro 24 mesi dalla data di pubblicazione del decreto di concessione dell’agevolazione.

L’assegnazione del contributo avverrà sulla base di una procedura valutativa a graduatoria, in base al punteggio assegnato al progetto.  Il contributo verrà erogato al soggetto beneficiario in un massimo di due tranche.

L’agevolazione rientra nel regime comunitario del “de minimis”.

Contatti – E-mail: mauro.borroni@univaservizi.it – Tel: 339 7506438


  Commenti disabilitati su Progetti di economia circolare nelle filiere della plastica e del tessile
221